De / Fr / It

Politica culturale

Attualità

8 giugno 2020

Prolungamento di aiuti di emergenza agli attori culturali

La decisione presa il 13 Maggio dal Consiglio federale di prolungare di quattro mesi l’ordinanza COVID nel settore della cultura, ha come effetto di prolungare il mandato dato a Suisseculture Sociale per gestire la concessione di aiuti di emergenza agli attori culturali. Di conseguenza, i sei mesi di validità dell'ordine sono suddivisi in tre periodi di riferimento di due mesi ciascuno:

  • Gli attori culturali che hanno fatto domanda entro il termine iniziale del 20 maggio potranno richiedere una proroga (provvisoria) di due mesi. Ciò avverrà sulla base della domanda già presentata. Non sarà quindi necessario presentare una nuova domanda; Suisseculture Sociale li contatterà per chiedere se la loro situazione finanziaria è cambiata. L'aiuto concesso per il periodo di proroga sarà calcolato sulla base della situazione prevista per i mesi di giugno e luglio. Una successiva proroga per i mesi di agosto e settembre può essere effettuata in una terza fase.
  • Gli aiuti concessi in risposta alle domande presentate tra il 21 maggio e il 20 luglio saranno inizialmente calcolati per i mesi di giugno e luglio e potranno essere prorogati una volta per agosto e settembre.
  • Gli aiuti concessi in risposta alle domande presentate tra il 21 luglio e il 20 settembre saranno calcolati per i mesi di agosto e settembre e non possono essere prorogati.

Attenzione: Suisseculture Sociale consiglia agli attori culturali di presentare la loro richiesta prima che la loro situazione diventi precaria. Infatti, dato il numero molto elevato di domande, il tempo di elaborazione di queste è di diverse settimane e la procedura non può essere accelerata per singoli casi.

Altre notizie

30 maggio 2020

Risultato del sondaggio sul Fondo arti sceniche di Pro Helvetia

Maggiori informazioni

29 maggio 2020

Piano di protezione per le attività di spettacolo nel teatro indipendente

Maggiori informazioni

28 maggio 2020

Comunicato stampa 28 maggio 2020: Parere sulle decisioni del Consiglio federale

Maggiori informazioni